Le 15 Caratteristiche Di Un Leader Terribile

Table of Contents

Spesso quando si chiede a qualcuno quali sono le caratteristiche che un leader dovrebbe avere, non si riesce a dare una risposta chiara e precisa.

La verità è che non ci sono verità assolute su come debba essere un leader, si può dire che le caratteristiche di un leader possono differire da quelle di un altro. Quello che però è sicuro è che alcune caratteristiche non possono proprio appartenere ad un leader.

Quindi se anche tu hai l’obiettivo di diventare un vero leader nella tua attività leggi attentamente questo articolo perché scoprirai

caratteristiche di un leader

Le 15 Caratteristiche Di Un Leader: No, Queste Non Le Deve Avere

1)  Mancanza di trasparenza: non puoi assolutamente non essere onesto con i tuoi collaboratori. Quando lavori a stretto contatto con altre persone raramente c’è un motivo per non essere del tutto trasparente con loro. Chi collabora con te apprezzerà sapere dove vuoi arrivare, e se farai questo metterai insieme una grandissima squadra pronta a lavorare in sintonia per risolvere i problemi che si incontreranno. La mancanza di trasparenza può comportare una mancanza di fiducia. E in qualsiasi attività la mancanza di fiducia può creare molti problemi.

2) Mancanza di ascolto: ascoltare tutti i tuoi collaboratori spesso è la cosa più importare da fare per creare un team veramente unito e affiatato. Rendere tutti importanti e protagonisti per il raggiungimento di un obiettivo comune porterà a lavorare tutti nella stessa direzione! Quindi ascolta sempre anche le proposte e le opinioni costruttive dei tuoi collaboratori.

3) Rifiuto di opinioni diverse dalla propria: capita spesso di non accettare le opinioni degli altri che si discostano dalle nostre. Quando si vuole diventare dei grandi leader invece non si possono rifiutare le opinioni degli altri. Sono fondamentali per stimolarci a crescere e migliorare quando qualcosa potrebbe andare meglio. E anche se quello che stiamo facendo va già bene, forse potrebbe comunque essere ulteriormente migliorato.

4) Valorizzare l’esperienza a scapito del potenziale: spesso capita, sopratutto nei lavori tradizionali, di dare maggior fiducia a chi magari ha già una certa esperienza rispetto a chi potrebbe avere un potenziale molto più grande. In moltissimi casi è vero, l’esperienza è fondamentale. Ci sono volte però dove bisogna fare attenzione a chi si sceglie: potrebbe essere che inizialmente anche tu hai bisogno di rimetterti in gioco per aiutare la persona a crescere e recuperare alcune mancanze che la persona di esperienza non avrebbe, ma poi, una volta fatto questo, il tuo collaboratore con grandissimo potenziale potrebbe darti molte più soddisfazioni. Un grande leader è in grado di riconoscere il potenziale di una persona e valorizzarlo.

*sotto trovi i link alle altre pagine…

Risposte

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *