fbpx

Cristina Luzzi Intervista: Direttrice “La Valigia Rossa”

Cristina Luzzi

Intervista a Cristina Luzzi, direttrice de “La Valigia Rossa”

Oggi abbiamo il piacere di avere con noi un’ospite graditissima: Cristina Luzzi, fondatrice e direttrice de “La Valigia Rossa” (LaVR).

Cristina, con il prezioso supporto del suo team di donne “in rosso”, guida la società italiana leader in consulenza e vendita diretta di prodotti erotici.

Una bella opportunità che ci sentiamo di consigliare a tutte le nostre lettrici, soprattutto quelle interessate a sviluppare un business da casa in uno dei settori più profittevoli di sempre.

3, 2, 1 VIA!

Versiamo due calici di buon vino rosso accompagnati da qualche fettina di salame nostrano…

Siamo pronti a conoscere meglio la storia di successo di Cristina Luzzi e della sua meravigliosa avventura imprenditoriale.

Ciao Cristina, è un piacere per me averti qui. Dunque grazie per aver accettato il nostro invito. Come è iniziata la tua avventura in “LaVR”?

“Ciao!

E’ un vero piacere aver accettato il tuo invito e anche leggere le tue domande, molto motivanti.

Ho iniziato introducendo un progetto estero in Italia, cioè facendo quello che era il mio lavoro: adattare progetti a nuove realtà e gestirli.

Durante questo percorso ho scoperto che la “casa madre” non aveva intenzione di portare avanti la mia vision in quanto a importanza della parte pedagogica (e corrispondente investimento) secondo me indispensabile per il successo del progetto.

Quindi c’è stata una rottura piuttosto violenta in cui loro si sono tirati indietro dal progetto.

E io ho deciso di portarlo avanti da sola, sfidando me stessa.

(Cristina Luzzi)

La Valigia Rossa - LaVR

La Valigia Rossa ha appena spento la sua decima candelina. 10 anni basati sulla filosofia del “vivere in rosso”. Mi sembra di capire che il bilancio è più che positivo…

“Sì, è positivo, pare che stiamo vincendo la sfida.

Parlo al plurale perchè se è vero che ho iniziato da sola, ora non sono più sola.

La sfida è anche di tutte le donne che sono con me praticamente dall’inizio e che hanno vissuto, creduto e lottato per portare avanti questo progetto nonostante tutte le avversità iniziali.

Dimostrando appunto di essere vere Donne in Rosso.

Il successo secondo me è dettato dalla professionalità e competenza delle nostre Consulenti insieme alla selezione dei prodotti, accuratissima sia per quanto riguarda la qualità che l’efficacia, facilitando quindi la scelta alla cliente.

Un lavoro di studio, ricerca e formazione che va avanti da 10 anni e che ci ha reso l’azienda più competente in Europa su questi punti…”

(Cristina Luzzi)

Come sei riuscita a superare le critiche e i giudizi iniziali da parte di chi non capiva che cosa stavi facendo?

“Dal punto di vista personale, isolandomi un pò e non accettando le provocazioni.

Dal punto di vista professionale, puntando sulla coerenza, la professionalità, l’umiltà, la comprensione e la pazienza: ho sempre pensato che la costanza dia i suoi frutti. E credo di poter dire che sia effettivamente così.

Facile?

No, molto difficile dal punto di vista psicologico.

Ma un altro punto fondamentale è stato mantenere ben chiaro il nostro focus, non cedere alla tentazione di aprire troppi fronti o settori di vendita inflazionati: noi siamo brave a parlare con le donne e a vendere sex toys, a lavorare sull’acquisizione della consapevolezza del potenziale che è insito in noi, sull’importanza del benessere sessuale.

E questo dobbiamo fare.

Ci siamo specializzate e in questo modo siamo diventate il punto di riferimento di moltissime persone.”

(Cristina Luzzi)

Cristina Luzzi e Natalia Guerrero Fernández

L’incontro con la D.ssa Natalia Guerrero Fernández a Milano è stato fondamentale per il successo de “La Valigia Rossa”: quale valore aggiunto è riuscita a portare in azienda?

“La d.ssa Guerrero è l’anima del nostro progetto socio-pedagogico, la vision che ci guida verso l’evoluzione sociale, verso il cambiamento che il mondo sta facendo riguardo al valore e all’importanza che la sessualità ha o dovrebbe avere nella vita delle persone.

Lei ha una visione globale di ciò che sta avvenendo nei 5 continenti, di quante “aperture” ci siano e di quante chiusure difficili da scardinare, dei metodi applicabili e degli argomenti da utilizzare per aiutare le società a capire ed evolvere verso un futuro inclusivo e rispettoso dell’altro.

Ci fornisce le linee guida che noi trasformiamo in progetti concreti.”

(Cristina Luzzi)

Le lettrici di “Business da Casa” sono curiose di sapere come vengono organizzate le mitiche riunioni a domicilio della “Valigia Rossa”…

“Di solito c’è un’organizzatrice che motiva le amiche, oppure un gruppetto di amiche che sono curiose di conoscere, decidono e si mettono in contatto con noi.

Le più informatizzate prenotano direttamente dal sito https://www.lavr.it/it/chi-sono-le-nostre-consulenti/ scegliendo una consulente nella propia zona.

Ognuna di loro ha la disponibilità indicata nella propia scheda, basta scegliere giorno e data, cliccare e la Consulente che riceve la richiesta si mette in contatto con la cliente.

Le meno informatizzate possono mandare una mail alla Consulente (sempre dalla sua scheda) oppure a riunioni@lavr.it.

Infine c’è il vecchio caro telefono per chiamare in ufficio e chiedere i dati della Consulente più vicina: 0142 591492.

Come vedi, per tutti i gusti…

(Cristina Luzzi)

La Valigia Rossa - riunioni a domicilio

L’avvento dei social media ha cambiato il modo in cui le persone entrano in contatto con “La Valigia Rossa”?

“Sì certo, il numero di richieste che arrivano via Facebook e Instagram aumenta di giorno in giorno, ma il passaparola è sempre la cosa che più funziona.

In fin dei conti Internet è molto comodo, ma il contatto umano ha un valore impagabile ed essere rassicurati da chi ha già partecipato ad una riunione su quanto sia interessante e divertente è la miglior garanzia del mondo.

Poi però si inizia mandando un messaggio di whatsapp invece che telefonando… e torniamo ai social…

A questa parte pratica si aggiunge la curiosità e l’interesse che le nostre azioni sui social generano nel pubblico che ci segue.

Questa è la cosa che più è cambiata da quando abbiamo iniziato.

I mezzi e il modo di comunicare cambiano molto velocemente e se ci si adegua al cambiamento i risultati si vedono.”

(Cristina Luzzi)

Cristina, la tecnologia ci chiede di essere pronti ad abbracciare velocemente il “cambiamento”. Come vedi la tua azienda tra 10 anni?

“Dal punto di vista pratico vedo una maggiore interazione delle clienti attraverso il sito sia per la prenotazione delle riunioni che per la consulenza, vedo le clienti fidelizzate che riordinano regolarmente dal sito i prodotti di consumo (la loro consulente prende comunque le provvigioni) e che organizzano le riunioni quando hanno voglia di scoprire prodotti nuovi e passare una serata con le amiche.

Questo significherebbe che una sana sessualità è diventata un’abitudine “sdoganata”, come avere cura del proprio viso.

Vedo l’ambito maschile che si avvicina a noi non più solo per regalare qualcosa alle proprie donne, ma anche per sè stessi.

A livello interno vedo un miglioramento dei nostri sistemi informatici, che sono già buoni ma che non corrispondono ancora alle nostre ambizioni.

Vedo formazione e consulenza on-line, ma vedo soprattutto un avvicinamento del mondo scientifico al mondo LaVR e quindi LaVR come uno strumento per gli specialisti.

Questo è “meno tecnologico” ma, dal mio punto di vista, sarà la vera svolta del prossimo decennio.”

(Cristina Luzzi)

Online esistono moltissime attività destinate a chi vuole avviare il proprio business indipendente. Perchè una donna dovrebbe scegliere proprio la vostra opportunità di carriera?

“Perchè intraprendere un’attività da soli, soprattutto se non si ha esperienza, è difficile e rischioso, e con LaVr hanno alle spalle un’azienda ben organizzata che fa da guida e che permette alle proprie collaboratrici di dedicarsi “solo” alla propia formazione e alla vendita, escludendo ambiti come progettazione, modalità di comunicazione, fiscalità, rischio imprenditoriale.

Inoltre esistono ancora tanti altri “perchè”… eccoli:

  • l’argomento è innovativo e attuale e LaVR è l’azienda più solida ed apprezzata del settore;
  • è un lavoro che oltre dal punto di vista professionale, ti fa crescere dal punto di vista personale;
  • è un lavoro in cui, oltre ad imparare e guadagnare, ti diverti un sacco;
  • ciò che impari ti serve nella quotidianità, nei rapporti con il/la partner e nell’educazione dei figli;
  •  puoi gestire il tuo tempo, perchè non ha importanza l’età che hai, perchè puoi decidere di farlo come unico lavoro oppure come secondo lavoro.

Consulenti LA VALIGIA ROSSA

Però deve essere chiara una cosa: è un lavoro, non è un gioco.

E come tale va gestito: studio, impegno, costanza e professionalità.

10 anni di esperienza ci hanno insegnato che se si gestisce così, il successo è garantito.”

(Cristina Luzzi)

La formazione delle consulenti de “LaVR” è un pilastro fondamentale su cui è fondato il grande successo della tua azienda. Ci illustri in cosa consiste?

“Effettivamente: è uno dei punti di maggior successo e che maggiormente ci contraddistingue dalle altre aziende del settore.

La formazione si basa su 4 assi principali che sono: sessualità, commerciale, marketing e comunicazione.

E un codice etico che definisce fin dove arriva il nostro ruolo e dove non può arrivare: l’ambito specialistico.

Questa è la base di partenza: noi siamo l’anello che fa da tramite con gli specialisti per chi ne ha bisogno, ma non ci sostituiamo agli specialisti.

Iniziamo con una formazione base, che inizia ancor prima che le aspirante Consulenti facciano il corso.

Dopo 2 giorni di corso ci sono circa 3 settimane di tirocinio durante le quali studiano il Manuale Interno, fanno riunioni-prova e vanno in affiancamento a colleghe esperte.

Colloquio finale e si parte.

Dopodichè ci sono altri 3 step formativi di approfondimento, che vengono fatti ogni 5 riunioni portate a termine.

Infine c’è una formazione costante che avviene tramite le riunioni d’area e la Convention nazionale, oltre al fatto che tutte le Consulenti sono costantemente seguite sia a livello commerciale che a livello pedagogico dalle proprie Coordinatrici di Zona.

La formazione è tenuta dalle migliori formatrici in ogni ambito: sessualità (D.ssa Guerrero), prodotto e riunioni (Elisa Ganazzin), commerciale e marketing (Cristina Luzzi).”

(Cristina Luzzi)

Cristina grazie ancora per la tua disponibilità. Se le nostre lettrici volessero diventare consulenti de “la Valigia Rossa”, che cosa devono fare?

“Devono mandare il CV e una lettera motivazionale a curriculum@lavr.it.

I corsi si tengono ogni 2 mesi e il calendario lo trovate qui: https://www.lavr.it/it/appuntamenti/

Grazie a te!

E’ stato un piacere e spero di aver soddisfatto le aspettative delle tue lettrici.

E anche di averle “un po’ innamorate”…

Peccato che tu sia un uomo, altrimenti ti proporrei di diventare Consulente…”

(Cristina Luzzi)

it_ITItaliano
it_ITItaliano