Jim Rogers: il Bitcoin pronto a crollare a zero?

Jim Rogers

Jim Rogers: il Bitcoin è davvero pronto a crollare a zero?

L’imprenditore e investitore statunitense Jim Rogers ha recentemente rilasciato una dichiarazione molto forte riguardante il futuro del Bitcoin.

Secondo il magnate della finanza made in USA la criptovaluta diminuirà sino ad arrivare a non valere più nulla.

Sarà vero?

Continua a leggere la notizia di oggi per capire meglio come andranno realmente le cose.

La dichiarazione di Jim Rogers sul futuro del Bitcoin

Jim Rogers ha rilasciato questa dichiarazione piuttosto forte ad una rivista giapponese riguardante il mondo finanziario.

Nel suo intervento il magnate ha confermato di non sostenere affatto le valute di tipo virtuale.

A questo proposito Jim è convinto che siano solo delle bolle speculative che hanno iniziato a diffondersi solo da poco tempo.

Secondo lui si tratta di puro “gioco d’azzardo”.

Inoltre nel suo intervento sono state nominate anche le CBDC (ovvero le valute digitali controllate dal sistema bancario).

Questa tipologia di monete elettroniche sono sostenute dalle banche proprio perchè si possono controllare le spese.

La bolla del 2017

Jim Rogers nel 2017 rilasciò un’intervista speciale a FoxBusiness nella quale affermava che il Bitcoin era una bolla.

In quel periodo la quotazione era di circa 9.700 dollari.

Eppure il magnate statunitense rimaneva fermo sulle sue posizioni.

Infatti alla giornalista che lo intervistò disse esattamente queste parole

“Beh, se mi avessi fatto vedere i grafici su ciò che è successo in quel mercato uno o due anni fa, senza dirmi di cosa stavamo parlando, avrei detto che era simile ad ogni altra bolla di cui ho letto.

Non ho Bitcoin, non ne ho mai comprati o venduti, quindi non sono la persona migliore a cui chiederlo, ma sicuramente somiglia al quadro di ogni bolla che ho visto”

In seguito la grande svolta…

Dopo soli due mesi la quotazione del Bitcoin riuscì a toccare il picco di 20.000 dollari.

Subito dopo però incominciò a scendere.

Sono trascorsi quasi tre anni, eppure Jim Rogers continua ad essere pessimista.

Bitcoin Jim Rogers

Chi è Jim Rogers?

James B. Rogers, Jr. è nato a Baltimora il 19 ottobre del 1942.

E’ un imprenditore, investitore statunitense, oltre che docente universitario, analista finanziario ed autore di diversi libri del settore.

Ha inoltre fondato la Quantum Group of Funds (con George Soros) e l’indice Rogers International Commodities Index.

Si tratta di uno dei più grandi investitori al mondo insieme a Warren Buffett e George Soros.

Leggi tutte le informazioni complete riguardanti Jim Rogers sulla pagina di Wikipedia a lui dedicata.

Conclusione

Per molti addetti ai lavori la tesi sostenuta da Jim nel suo intervento non avrebbe alcun fondamento.

Infatti esistono altri elementi da valutare prima di predire un eventuale crollo del Bitcoin.

In primis il Bitcoin è una valuta molto apprezzata, anche e soprattutto dagli investitori istituzionali. Del resto è sotto gli occhi di tutti l’elevato numero di scambi su opzioni e futures di mercati fiorenti (CME… Bakkt).

Infine sono presenti molte società interessate a lucrare sulle transazioni effettuate con questa criptovaluta.

Ad esempio PayPal che di recente ha diffuso la notizia dell’avvio di un servizio per comprare e vendere criptovalute.

Insomma i fatti non danno affatto ragione al buon Jim Rogers.