Sundar Pichai: gli ultimi aggiornamenti sulla privacy introdotti da Google

Sundar Pichai

Sundar Pichai: gli ultimi aggiornamenti sulla privacy introdotti da Google

Dal blog ufficiale di Big G, Sundar Pichai, l’attuale CEO di Google e Alphabet, ha condiviso gli ultimi aggiornamenti sulla privacy introdotti dal motore di ricerca n°1 al mondo.

In questo articolo analizziamo che cosa cambierà per gli utenti.

I principali aggiornamenti sulla privacy introdotti da Google

Sundar Pichai, nel post pubblicato sul blog aziendale, spiega che il cambiamento principale riguarderà il modo in cui Google conserverà i dati degli utenti.

L’obiettivo primario sarà quello di conservare meno informazioni come impostazione definita, in modo da alleggerire il carico di dati sensibili.

Infatti, dopo 18 mesi, i dati verranno cancellati invece di essere archiviati fino a quando l’utente non decide di eliminarli.

Ovviamente sarà possibile disattivare questa impostazione automatica di cancellazione.

Gestione dei dati sensibili su YouTube

Nell’articolo di Sundar Pichai, dedicato agli aggiornamenti sulla privacy introdotti da Google, si parla anche di YouTube.

In questo caso l’eliminazione automatica dei dati è settata di default a 36 mesi.

Segnaliamo che si può comunque scegliere l’eliminazione automatica a 3 o 18 mesi.

Questa impostazione generale non vale per altre applicazioni, come ad esempio Gmail, Drive e Foto.

Infatti questi strumenti sono nati per archiviare in totale sicurezza (e per periodi più lunghi) i vostri contenuti personali.

Navigazione in incognito: le novità

Secondo il CEO di Google la navigazione in incognito viene preferita da tantissimi utenti.

I nuovi aggiornamenti prevedono che si possa avviare attraverso la pressione prolungata della propria immagine profilo:

  • sul motore di ricerca;
  • su YouTube
  • e su Maps.

Questa novità è già attiva sull’app Google per iOS.

Mentre verrà introdotta a breve anche su Android e altre app.

Informazioni su Sundar Pichai (il CEO di Google)

Sundar Pichai è l’attuale CEO di Google e Alphabet.

Di recente, a porte chiuse dal giardino di casa sua, ha tenuto il discorso per i laureati del 2020.

Qui di seguito riportiamo i punti principali del suo speech, che ci aiutano a capire meglio alcuni aspetti della sua vita e del suo prestigioso incarico professionale.

Sundar Pichai Google

Sundar Pichai: Il discorso per i laureati del 2020

«Non avrei mai immaginato di tenere un discorso senza pubblico dal mio giardino.

Né avrei mai pensato di condividere un palco virtuale con l’ex presidente degli Stati Uniti (Obama), una first lady, Lady Gaga, Queen B (Beyoncé) e i BTS.

Non penso che questa sia la cerimonia di laurea che qualcuno di voi aveva immaginato.

In momenti bui come quello che stiamo vivendo, può essere difficile trovare la speranza, ma voi ce la farete.

Tutti loro hanno dovuto affrontare nuove sfide e tutti hanno avuto la meglio.

La storia dimostra che abbiamo buone ragioni per avere speranza.

Mio padre ha speso l’equivalente di un anno di stipendio per il mio biglietto aereo per gli Stati Uniti.

Era la mia prima volta in assoluto su un aereo.

L’America era costosa.

Una telefonata a casa costava più di 2 dollari al minuto e uno zaino costava quanto lo stipendio mensile di mio padre in India.

Mi mancavano la famiglia, gli amici, la mia fidanzata che oggi è mia moglie.

L’unica cosa che mi ha portato da lì a qui, oltre alla fortuna, è stata una profonda passione per la tecnologia e una mente aperta.

«Sundar Pichai è cresciuto senza avere accesso alla tecnologia.

Abbiamo avuto il primo telefono in casa quando avevo 10 anni.

Non ho avuto accesso a un computer fino a quando sono venuto in America.

E, il nostro televisore, quando finalmente ne abbiamo avuto uno, aveva un solo canale.

Quindi immaginate quanto sia sbalorditivo per me oggi parlare su una piattaforma con milioni di canali.»

(Sundar Pichai – CEO di Google)

Sundar Pichai: Siate impazienti e cambierete il mondo

«Al contrario, voi siete cresciuti con computer di tutte le forme e dimensioni.

Ma probabilmente c’è qualcosa sulla tecnologia che vi rende impaziente.

Non perdete quell’impazienza.

Genererà la prossima rivoluzione tecnologica e vi consentirà di creare cose che la mia generazione non potrebbe nemmeno sognare.

Potreste essere altrettanto frustrati dall’approccio della mia generazione ai cambiamenti climatici o all’istruzione.

Quell’insofferenza creerà il progresso di cui il mondo ha bisogno.

Renderete il mondo migliore a modo vostro, anche se non sapete ancora esattamente come.»

(Sundar Pichai – CEO di Google)