Maxi Furto Coincheck: Gli Hacker Spostano i NEM Rubati su Conti Random

Furto Coincheck

Table of Contents

Dopo il maxi furto Coincheck del 26 gennaio, gli hacker starebbero spostando alcune di quelle monete verso indirizzi diversi. Questo è ció che il vicepresidente della NEM Foundation, Jeff McDonald, ha riferito a Reuters martedí 30 gennaio.

Gli hacker spostano i NEM del furto Coincheck

Secondo Reuters, NEM Foundation è riuscita a rilevare che gli hacker hanno iniziato a inviare transazioni di 100 monete NEM, del valore di circa $83 ciascuna, a “indirizzi casuali”. Il team NEM sta attualmente cercando di rilevare la posizione degli hacker. Tuttavia, ancora non è stato in grado di individuarla.

Tom Robinson, CEO e co-fondatore della compagnia di sicurezza Elliptic, con sede nel Regno Unito, ha dichiarato:

Quando le persone cercano di riciclare questi tipi di fondi, a volte li diffondono in transazioni minori. In questo modo, è meno probabile che si attivino meccanismi anti-riciclaggio di denaro“.

Contrariamente al rapporto originale di Reuters, gli hacker non starebbero cercando di incassare le monete rubate. Il 31 gennaio, il promotore di NEM Europe, Paul Rieger, ha affermato in una e-mail inviata al sito di notizie di Coindesk:

Ci sono state undici transazioni XEM da uno degli account degli hacker a account ‘casuali’. Non è stato venduto nulla, non sono state neppure tentate transazioni di scambio“.

Il 26 gennaio, l’exchange Coincheck ha annunciato che è stato violato: circa 520 milioni di monete NEM sono state rubate dal suo deposito. Il 27 gennaio, la societá ha promesso di risarcire tutte le perdite agli utenti colpiti dall’hack.

Le notizie sul furto non hanno avuto un impatto significativo sul prezzo di XEM. Al contrario, la notizia che Coincheck avrebbe rimborsato i suoi investitori ha modificato il prezzo della moneta. XEM ha raggiunto un massimo locale di $1,22. Tuttavia, da allora ha iniziato a ridiscendere: in questo momento è arrivato a circa $0.56.

Risposte

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *