I 10 Tipi Di Networker Per Eccellenza

Table of Contents

Tipi Di Networker

Tipi Di Networker

Una delle cose più belle del network marketing è che si tratta di un mondo accessibile a tutti. Questo è sicuramente un bene in quanto offre l’opportunità di svoltare non solo a chi è laureato o ricco, ma anche a chi parte dal nulla.

Ma proprio perché è aperto a tutti, i networker che puoi incontrare hanno caratteristiche differenti. Questo post è un po “provocatorio” ed ironico, per cui se ti senti chiamato in causa facci una risata sopra e passa oltre senza prenderla sul personale;). A volte anche nel business fare un po di ironia e farsi una bella risata fa molto bene.

Se l’articolo ti piace potresti condividerlo su Facebook taggando i tuoi amici e dicendo loro in quale “categoria li piazzeresti” (ovviamente per gioco;)).

Buona lettura.

1) Opp Jumper

Si chiamano così perché appunto “saltano da un’opportunità all’altra” senza neppure rendersene conto. Dopo due mesi che spammano ovunque l’azienda “XXXXX” e decidi finalmente di chiedergli qualche informazione ti rispondono che stanno già collaborando con l’azienda “YYYYY” perché paga meglio, ha un prodotto migliore, c’è meno gente, etc. Come si suol dire “si vendono il ciuco in casa da soli”, e ogni opportunità è la più figa e la migliore del mondo. La peculiarità di queste persone è che alla fine dell’anno solitamente hanno speso x.xxx€ e ne hanno incassati xx€.

2) I Lovers

Questi sono i migliori o i peggiori, dipende dai punti di vista. Si tratta di quelle persone che sono talmente innamorate dell’azienda con cui collaborano che questa può anche aver dichiarato bancarotta da 6 mesi che loro continuano a promuoverla come se non ci fosse un domani. Sono i migliori per i proprii upline in quanto hanno sempre l’autoship impostato al massimo, partecipano sempre agli eventi e sono sempre positivi. Sono i peggiori in quanto spesso e volentieri diventano maniacali e troppo invasati, perdendo così l’opportunità 1) di sponsorizzare nuove persone e 2) di essere presi sul serio. Con queste persone è molto difficile parlare oggettivamente perché amano troppo la propria azienda, prima di provare a sponsorizzarli devi aspettare che la loro azienda abbia chiuso da almeno 2 o 3 anni.

3) I Mobbasta

Sono nel network, magari generano qualche punto personale (o da qualche vecchia iscrizione che han fatto) ma non sono mai presenti. Ne sui social, ne agli eventi e neppure rispondono al cellulare. Questi sono fantastici perché appaiono (o meglio ricompaiono) solamente quando ci sono problemi. Per esempio, sembrano morti per 8 mesi, poi appena leggono su Facebook che un evento è andato male o che dei prodotti non sono arrivati etc, iniziano ad inveire dicendo che il sistema non funziona, l’azienda fa schifo, che il network è una truffa etc etc. Meno ne hai in team, meglio è… non per il tuo portafogli, ma per la tua salute mentale!

4) Lo Scappato di Casa

Questo è un personaggio. E’ un qualcuno che si distingue per ingenuità ed ignoranza. E’ l’evoluzione dell’opp-jumper. Quando entra in un network lo spamma ovunque scrivendo spesso frasi mancati del predicato o del soggetto. Non è in grado di distinguere un ponzi da un network, neppure quando il ponzi è già collassato da tempo (per intenderci, si iscriverebbe in Banners Broker ora!). La cosa peggiore di questo tipo di networker è il suo modo di esprimersi. Una conversazione con lui può toglierti circa 10 anni di vita, e non perché sia faticoso vendergli la tua attività, ma perché è praticamente impossibile decifrare quello che ti chiede e fargli capire le cose. Solitamente questa “sindrome” aggredisce maggiormente gli uomini.

5) L’Auto-Proclamatore

E’ fantastico. Solitamente cerca di “adescare” quelli più giovani di lui sui social network vantandosi di far network da 20+ anni e che pertanto lui è quello giusto da seguire. Vanta un esperienza incredibile e parla per frasi fatte. Nel 99% dei casi si tratta dello stadio avanzato della fusione tra un opp-jumper e un lover. Seguire una persona del genere significa perdere tempo e soldi, e magari abbandonare il network. Se si auto proclama leaders e non ha seguaci, è un auto-proclamatore. Statene alla larga.

6) Il Formatore

Il formatore si divide in due categorie. Quello che i soldi li ha fatti, e quello che non li ha fatti. Sul primo nulla da dire, chapeau. Il secondo invece fa morire dal ridere. Si tratta di quel networker che senza aver mai guadagnato un soldo vero (meno di €30.000 netti all’anno nel network sono pochi, soprattutto se a tempo pieno) punta ad essere sempre sul palco a fare “formazione”. Organizza un sacco di eventi dove “istruisce” i presenti su cose e concetti di cui ha spesso solo sentito dire. Non ha l’esperienza ne il background per dire “come fare i soldi” perché effettivamente lui non li ha mai fatti, ma fa di tutto per insegnare. Un giorno magari sarà qualcuno, ma per il momento è meglio imparare da qualcuno che ce l’ha già fatta no?

7) Il Venditore

Il venditore è colui che vende il prodotto e recluta come un dannato. Non è importante per lui il prodotto in se, ma come il prodotto può essere raccontato ad un potenziale cliente. Avere dei venditori in squadra è ottimo perché questi possono portare fatturati immensi. Purtroppo è anche molto pericoloso perché il venditore di natura venderebbe qualsiasi cosa, per cui come oggi è con te domani potrebbe essere con qualcun altro.

8) Il Professionista

E’ colui che il network l’ha capito. Si aggiorna, si forma (da quelli giusti) e applica. Magari non è la qualifica più alta, magari non è neppure quello che guadagna di più. Ma sicuramente è quello che ovunque va sa come fare l’attività e come crearsi una rendita fissa. Puoi togliergli tutto, chiudergli il back office e metterlo dentro ad un azienda che paga poco, ma nel giro di un anno emergerà guadagnando e facendosi strada.

9) Il Leader

Bhè, sul leader c’è poco da dire. E’ qualcuno che con le sue parole ti ispira e ti trascina. E’ colui che quando lo senti parlare ti accende un fuoco interiore tale che la notte non dormi. Il leader muove persone, fatturati e successo. Prima ancora di trovarne uno sotto è fondamentale trovarne uno sopra.

10) Il Business Man

Non è un vero networker in quanto il network in realtà non lo sa fare. E’ uno che però ha fiuto, è furbo e ci sa fare con le parole. Solitamente dispone di capitali ampi e si compra posizioni in strutture già formate, oppure compra direttamente i leaders delle altre aziende. Il network è un business e lui, potendo, lo interpreta come tale. Compra e si fa comprare fregandosene di chi sta sotto, d’altronde per lui sono solo soldi. Ne esistono parecchi e spesso sono sconosciuti in quanto tu fai magari parte della loro rete senza neppure saperlo. Le stesse aziende non parlano di loro ne dichiarano la loro qualifica, ma sono quelli che fanno i soldi veri nel network marketing, anche se la cosa può non piacere.

Risposte

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *