L’Email Di J Budd, E Rippln Italia Che Fine Ha Fatto?…

Table of Contents

Rippln ItaliaAbbiamo iniziato ad osservare Rippln da metà/fine Dicembre, dopo aver visto e percepito un “silenzio anormale” dall’azienda. Anormale perché, fino a quel punto l’azienda aveva fatto parecchio rumore, o perlomeno, ci aveva provato.

Non importa che il modello di business non fosse poi così chiaro, o che il piano compensi pagasse in “centesimi” le commissioni ai propri TOP RIPPLER, importa che la maggior parte del mondo non è stata coinvolta nel “gioco”, come invece avevano promesso all’inizio.

Sono stati in grado di creare un bacino di oltre 1.400.000 utenti in praticamente tutti i paesi del mondo in meno di 3 mesi, e sono stati poi in grado di “bruciare” quest’immenso “pozzo di petrolio”!

Nel “piano compensi di Rippln” iniziale, sembrava che i Fan sarebbero stati valorizzati in qualche modo dall’azienda, purtroppo però, questo non è mai accaduto. Un’azienda di Network Marketing deve in prima battuta tutelare ed incoraggiare i propri affiliati/distributori/membri, o come li vogliamo chiamare in questo caso, a promuovere l’azienda. In una fase di pre-lancio globale, deve inoltre dare la possibilità agli affiliati migliori, di guadagnare cifre impressionanti, così da spargere la voce che “da questa parte si guadagna” alla grande. Probabilmente nessuno ha mai spiegato le due frasi precedenti a Budd e ad Underwood (fondatore e CEO dell’azienda). Quando Rippln sembra la rivoluzione delle APP, reinterpretate tramite Network Marketing.

Naturalmente non possiamo sapere come siano andate nel dettaglio le cose, ma una cosa che ormai risulta certa, dopo variazioni continue nel piano compensi, dopo prodotti e servizi il cui lancio è sempre stato rimandato, è che quando Rippln è saltato fuori, ovvero ad Aprile 2013, l’azienda non avesse nulla in mano se non qualche bravo internet marketer, un bel sito e qualche video virali ben studiati.

Uno dei leaders di Rippln Italia ci ha segnalato quest’email ricevuta a fine Dicembre dallo stesso Jonathan Budd. Questo leader aveva chiesto a Budd come si stavano muovendo le cose:

Che tradotta significa:

Hey XXXXXX,

Craig dovrà aggiornare l’imbuto di vendita, in quanto non sono io ad occuparmene.

Riguardo al business, ci sono stati alcuni grossi cambiamenti. Rippln ha veramente bisogno di un investitore/partner per poter procedere con la fase 2 del business. Ci sono alcune voci circa questa possibilità nel futuro a breve termine…. e fino a quel momento, non saremo in grado di apportare grossi cambiamenti o aggiornamenti.

Sfortunatamente, la tecnologia è molto più grande e costosa di quanto ci fossimo immaginati, per ci servono più partners per poter continuare.

Capisco pienamente se te, o qualcuno del tuo team vuole distogliere il proprio focus focalizzandosi su business che possono portarvi soldi in tasca ora, mentre Rippln continua a consolidare il proprio modello di business. In effetti, ti raccomando di farlo, in quando personalmente non sono sicuro circa i tempi che impiegheremo per cambiare rotta.

Ti aggiornerò il prima possibile, non appena avrò informazioni più rilevanti. C’è un’offerta sul tavolo in questo momento che è veramente buona, e se la chiudiamo torneremo con Rippln 2.0 ALLA GRANDE… tornando armati del capitale e del team di cui avevamo bisogno anche all’inizio.

Ti ringrazio “gentlemen” per tutto quello che avete fatto. E’ stato un onore conoscervi, e lavorare fianco a fianco. E’ stato davvero un piacere.

Ti/vi auguro il meglio,

Jonathan

Come si evince dall’email sopra riportata e tradotta, persino Budd si rende conto che sia meglio “focalizzarsi su business che possono portare soldi”.

Rippln è stata una bella trovata, sicuramente sono state raccolte moltissime email più o meno targhettizzate che sul mercato hanno certamente un valore notevole.

A quanto pare persino Michael Rutherford, diretto di Budd, leader ed azionista dell’azienda ha cambiato la sua “posizione”. Passando infatti da mesi e mesi in queste “condizioni”:

Insomma, nonostante alcuni “parlino” di un lancio imminente di Rippln 2.0, con tutta probabilità l’azienda è invece morta.

Pare inoltre che Budd abbia scritto un’email a tutti i propri diretti parlando “dell’onore di questa collaborazione” e “che purtroppo non tutti gli investimenti vanno bene”.

Che altro aggiungere? Se stai ancora pagando la mensilità da Player, il consiglio che ti diamo, è di cancellarla in QUESTO MOMENTO, in quanto, almeno per ora, potrebbero essere soldi “buttati”.

Risposte

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *