Email Marketing per l’e-commerce

email marketing e-commerce

Email Marketing per massimizzare le vendite e-commerce

Stai implementando una strategia di email marketing per il tuo e-commerce?

Puoi essere un mago di Facebook Ads, e generare centinaia di nuovi clienti al giorno per il tuo e-commerce. Ma se non sei in grado di trattenere quei clienti e farli tornare, stai lasciando un bel po’ di soldi sul tavolo.

Ed è proprio qui che entra in gioco l’email marketing.

Questo è uno dei migliori canali per fidelizzare i clienti. Ma anche per trasformare dei semplici leads in acquirenti che spendono soldi sul tuo store.

Vuoi che sia per un lancio o vuoi che sia per mandare un’offerta ai clienti fedeli, l’email marketing è un canale che nessun e-commerce dovrebbe trascurare. E qui andiamo a vede i come e i perchè dell’email marketing per e-commerce.

Perché l’email marketing è la chiave del successo dell’e-commerce

Anche se riesci a generare traffico altamente targettizzato per il tuo store, la realtà è che la maggior parte dei nuovi visitatori sul tuo negozio online non tornerà più.

Ovvero, tutti i soldi che hai speso per generare quel traffico vanno sprecati.

Per questo è importante costruire una lista email. Per avere un contatto di ognuno di quei visitatori ed essere in grado di entrare in contatto di nuovo con loro. Senza dover pagare Facebook o Google per delle campagne.

Se la tua attività di e-commerce non ha avuto il tempo di adottare l’email marketing, ecco quattro motivi per ci devi assolutamente includere l’email marketing nel tuo arsenale d’attacco.

4 motivi per cui l’email marketing è fondamentale per un e-commerce

email marketing per e-commerce

1) La posta elettronica consente di costruire relazioni con i clienti in corso

I motori di ricerca e le piattaforme di social media sono ottimi per essere scoperti dai futuri clienti, ma l’email  rimane il modo migliore per mantenere e rafforzare le relazioni esistenti nel tempo.

Inoltre l’email marketing svolge inoltre un ruolo fondamentale nel favorire il secondo acquisto di un cliente e oltre. Avere il ritorno dei clienti è importante per tutti gli store perché mantiene basso il loro costo medio di acquisizione di un cliente.

2) L’e-mail è incredibilmente efficace nel generare vendite 

Uno studio del 2018 del DMA ha rilevato che per ogni dollaro speso per l’email marketing, le aziende possono aspettarsi un rendimento medio di $ 32.

Non solo. Un’analisi di Shopify ha mostrato che l’e-mail come canale di vendita ha avuto il più alto tasso di conversione medio degli ordini durante il Cyber ​​Monday del Black Friday.

Abbastanza dati per convincerti?

3) La posta elettronica può influenzare i tre principali moltiplicatori della crescita

Ci sono solo tre modi per aumentare le entrate di un’azienda: aumentare il numero totale di clienti (C), aumentare il numero totale di acquisti per cliente (frequenza di acquisto o F) o aumentare il valore medio dell’ordine (AOV).

La maggior parte degli e-commerce sono alla ricerca continua di nuovi clienti: Da un lato generano cash dai nuovi acquisti. Dall’altro lo reinvestono in soldi per generare nuovi clienti, trovandosi spesso in un circolo che non porta alcun profitto. 

L’email marketing può influenzare contemporaneamente tutti e tre i moltiplicatori di crescita interrompendo questo circolo vizioso:

  • Le automazioni email di benvenuto e per i carrelli abbandonati possono aumentare i tassi di conversione. (aumento dei clienti).
  • Inoltre, le campagne email possono essere utili per recuperare vendite dai prospects che hanno visitato il tuo store e non hanno comprato.  Ma anche per far riacquistare di nuovo i vecchi clienti. (Frequenza d’acquisto)
  • La fidelizzazione dei clienti ti permette di aumentare il valore medio degli ordini (AOV).

4) Le email non sono influenzate da altre piattaforme

Un aspetto fondamentale è che l’email marketing non è soggetto ai limiti di Google, Facebook o altro.

Come ben sai, quando vuoi creare una campagna su Facebook, ci sono molte regole che devi rispettare.

L’email marketing non è così e hai libertà totale nella creazione delle campagne. Anche se devi tenere d’occhio gli spam filters.

Come iniziare con l’e-commerce email marketing

Okay, abbiamo capito perché l’email marketing non può mancare nel tuo mix di comunicazione. Ora andiamo a vedere come iniziare con l’email marketing per il tuo e-commerce

Scegli la piattaforma adatta

Il primo passo per iniziare con l’email marketing è scegliere il software di email marketing attraverso il quale inizierai a costruire il tuo elenco. 

Ci sono molti strumenti di email marketing robusti ed economici tra cui scegliere, quindi non lasciarti sorprendere dal tentativo di sceglierne uno “perfetto”. 

In questo post abbiamo elencato i migliori strumenti di email marketing presenti sul mercato. Ma, il team di Business Da Casa consiglia ai propri lettori l’uso di GetResponse che è tra gli strumenti di email marketing più completi sul mercato, permette automazioni avanzate e tutto per un prezzo ridotto rispetto ai concorrenti. 

Inoltre, recentemente, Shopify ha lanciato la propria piattaforma di email marketing che attualmente viene offerta gratuitamente. Dunque, se hai intenzione di aprire uno store su Shopify, puoi iniziare con la piattaforma email marketing di Shopify.

Inizia a creare la tua lista e-mail

Prima inizia a costruire la tua lista email, più presto ti troverai un enorme numero di iscritti a cui promuovere i tuoi prodotti.

Ci sono diversi modi per raccogliere gli indirizzi email dalla tua audience tra cui

  • Pagino di lancio

Se stai per lanciare un prodotto, qualche settimana prima del lancio puoi iniziare a stuzzicare la tua audience sul prodotto o collezione che stai per lanciare. Creando suspense e desiderio per il lancio. Proprio come fanno i grandi brand come Tesla o Apple.

Dopotutto, se lo fanno queste grandi aziende è perchè funziona, no?

Dunque, durante questa campagna di pre lancio, puoi dire alla tua audience che chi è interessato può iscriversi alla lista d’attesa e questi saranno i primi ad essere informati quando ci sarà il lancio.

Così puoi utilizzare questi indirizzi email sia per il lancio che per promozioni future,

  • Email dei clienti

La maggior parte degli e-commerce hanno migliaia e migliaia di email dei propri clienti che rimangono a accumulare polvere virtuale nei database.

Non fare questo errore. Utilizza quegli indirizzi email di cui sei già in possesso per mandare delle campagne di email marketing.

  • Aggiungi dei form d’iscrizione al tuo sito web

Beh, non c’è molto da spiegare qui. Crea dei form di iscrizione e aggiungili al tuo sito web per iniziare ad avere iscritti. Magari crea una newsletter per motivare le persone ad iscriversi.

  • Aumenta gli iscritti con dei lead magnet

Ci sono diversi lead magnet che puoi offrire alla tua audience in cambio del loro indirizzo email: Un buono sconto, un buono per una spedizione gratuita, una guida, un mini-corso. Questo dipenderà molto dal tipo di prodotto che vendi.

Che tipo di email dovrebbe mandare un e-commerce?

pianificazione contenuti email marketing

Okay, una volta costruita curata dal parte del far crescere la lista si passa alla parte delle campagne di email marketing.

Che tipo di email dovresti mandare alla tua audience?

Andiamollo a vedere.

Email transazionali

Queste sono tutte le email volte ad informare i clienti sullo stato del loro acquisto: conferma di pagamento, conferma di spedizione, email sullo stato della spedizione etc.

Anche se queste email potrebbero sembrare non avere molto valore da un punto di vista di marketing, in realtà lo sono.

Tutti questi messaggi non sono altro che vera e propria customer care. Tenendo i clienti informati sullo stato del loro acquisto comunichi indirittermante che sei un’azienda seria e che ci tieni ai tuoi clienti.

In questa categoria troviamo anche email post-acquisto. Puoi mandare email per richiedere una recensione ma anche delle critiche costruttive per farti aiutare dai tuoi clienti a migliorare il tuo prodotto.

Campagne di email marketing promozionali

Ogni volta che hai un’offerta sul tuo sito o ci sono delle feste in vista, puoi creare delle campagne promozionali di email marketing per tenere informati i tuoi contatti sui prossimi affari che ci sono in serbo per loro.

Tuttavia, non essere troppo aggressivo con queste email. È importante spingere i tuoi prodotti ma non devi pressare troppo altrimenti perderai iscritti alla tua lista. E questo ci porta al prossimo paragrafo.

Newsletters informative

Email marketing non vuol dire solo vendere. Sarebbe stupido limitarsi a vendere, è importante anche creare e rafforzare la relazione con la tua lista mandando contenuti non promozionali come: informazioni sul tuo prodotto, sulla storia della tua azienda, guide. Ma anche contenuti sulle cose che stanno accadendo nella nicchia in cui opera il tuo brand.

Se ad esempio vendi prodotti per dimagrire e va di moda una nuova dieta, puoi mandare delle email su questa dieta e parlare degli aspetti positivi e negativi.

Tutte queste email non-promozionali ti aiuteranno a rimanere nella mente dei tuoi clienti così compreranno di più da te. E più frequentemente.

Email di benvenuto

GetResponse, così come altri email provider, ti permettono di impostare delle automazioni di benvenuto a tutti i nuovi iscritti.

Puoi impostare queste sequenze sia per i nuovi clienti che per i semplici iscritti alla tua lista per poi trasformarli in clienti.

In queste sequenze puoi mixare newsletter informative come abbiamo parlato prima ed email promozionali. In modo da generare più vendite ma dare un benvenuto ai nuovi leads e clienti nella tua community.

Email per i carrelli abbandonati

Queste sono oggettivamente le prime sequenze email di cui dovresti preoccuparti. E probabilmente le campagne di email marketing che hanno un ritorno maggiore in termini di vendite.

Queste sequenze hanno lo scopo di far completare l’acquisto a tutti quei leads che hanno iniziato ad aggiungere prodotti al carrello virtuale, hanno inserito i loro dati ma per qualsiasi motivo non hanno completato l’acquisto.

Qui puoi mandare diversi tipi di email per concludere la vendita: Puoi iniziare con dei semplici promemoria, comunicando che hanno lasciato un carrello abbandonato. Poi puoi mandare delle recensioni dei tuoi clienti per convincerli che stanno facendo la scelta giusta ad acquistare da te.

Ed infine puoi mandare degli sconti promozionali per concludere la vendita.

Email marketing per e-commerce: Ne vale la pena?

Probabilmente ti stai chiedendo se vale la pena impostare tutte queste sequenze e fare questo lavoro. Dopotutto devi investire del tempo.

Ma devi pensare ad una lista email come ad un investimento di lungo periodo. Non pensare ad una lista di 2000 persone. Pensa ad una lista di 50’000 persone che potresti avere tra due anni se inizi ora. Inoltre, le sequenze una volta create dopo vanno da solo e “campi di rendita”.

E sul fatto delle vendite, beh, ne abbiamo parlato all’inizio, l’email marketing è il canale con il più alto ROI in assoluto, dunque, le vendite generate dalle email non dovrebbero essere la tua preoccupazione se segui i consigli di questa guida.