TelexFREE: Obbligo Di Pagamento Di 3 Milioni Per Danni Collettivi

Table of Contents

TelexFREELa Giustizia dell’Acre, uno Stato del Brasile, attraverso il secondo tribunale civile di Rio Branco, ha ordinato alla società TelexFREE il pagamento di $3 Milioni per i danni collettivi causati.

La sentenza è stata emessa lo scorso Mercoledì 16 Settembre, e dovrebbe essere pubblicata sulla Gazzetta della Corte entro la fine di questa settimana.

Secondo il giudice Thais Khalil, responsabile dell’unità legale, la giustizia si è posizionata totalmente contro alla difesa dell’azienda TelexFREE, chiarendo che la sentenza dimostra ancora una volta che la società rappresentava veramente una schema Ponzi illegale e non una rete di Multi Level Marketing.

Nonostante tutto, questa decisione resta ancora soggetta ad appello.

Il giudice ha poi spiegato che la determinazione dell’importo imposto non è stata assegnata in base alle cifre investite dai distributori: “Questo valore è per i danni morali collettivi, e ha come obiettivo la protezione nazionale dei consumatori. Sul valore che deve effettivamente tornare ad ogni promotore, questo sarà verificato singolarmente per vedere quanto ognuno deve ricevere.”

TelexFREE dovrà rimborsare tutti i propri promotori vittime di questa truffa.

La società è inoltre stata condannata all’obbligo di non stipulare nessun nuovo contratto sotto lo stesso modello, rischiando sanzioni pesantissime se questo avverrà.

A quanto pare, Roberto Duarte Jr., un avvocato di TelexFREE, ha dichiarato che l’azienda non era stata ancora formalmente informata di questa delibera.

A quanto pare sembra proprio che questa storia non riesca ad arrivare a termine, dopo la lunga battaglia legale per dimostrare l’attività illegale di questa azienda non siamo ancora arrivati alla giustizia finale e al risarcimento di tutte le vittime di questa truffa.

Solo negli ultimi mesi stanno arrivando i primi risarcimenti e le prime definitive condanne verso i protagonisti di questa attività.

Ci auguriamo che le persone riescano a recuperare almeno una parte del loro investimento.

Stay tuned

Continuiamo a rimanere in attesa di aggiornamenti su eventuali sviluppi.

Risposte

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *