I segreti di Brian Armstrong, il fondatore di Coinbase

Brian Armstrong Coinbase

I segreti di Brian Armstrong, il fondatore di Coinbase

Brian Armstrong è il fondatore di Coinbase, la piattaforma di exchange di criptovalute (tra cui bitcoin).

Oggi all’interno di questa guida speciale ripercorriamo la sua storia personale e l’intuizione di creare il primo unicorno del settore che ha reso Brian miliardario in pochi anni.

La sua storia

Brian Armstrong è nato il 25 gennaio 1983 e cresciuto a San Jose, in California.

Nonostante la sua giovane età, da ragazzo si avvicina alla tecnologia informatica, che diventa il suo più grande interesse.

E’ un vero e proprio nerd: infatti alle superiori comincia a programmare in Java e Css.

Mentre frequenta il liceo affitta il garage del vicino per avviare la sua prima attività.

Si tratta di realizzare siti web per piccole imprese della zona.

Nel 2001, si iscrive alla Rice University e nel 2003 fonda UniversityTutor. com (un progetto per far incontrare e collaborare i tutor e gli studenti in cerca di formazione).

Il sito viene diretto da Brian Armstrong fino al 2012.

Durante lo stesso periodo il protagonista del nostro articolo ottiene 2 lauree e un master di specializzazione.

Infine decide di trasferirsi per un anno in Argentina (esattamente a Buenos Aires).

Il suo percorso professionale comprende esperienze formative in IBM, Deloitte e Airbnb.

Poi arriva il momento di cambiare settore…

Ed è proprio in quel momento che si avvicina al mondo delle criptovalute.

L’incontro con Bitcoin

Il 31 ottobre 2008 viene rilasciato il white paper, ovvero il documento scritto da Satoshi Nakamoto sul bitcoin.

Brian Armstrong lo scopre (e lo legge) solo due anni dopo ed è amore a prima vista…

Racconta Brian su Twitter:

«Ho letto il white paper di Satoshi Nakamoto per la prima volta nel 2010, quando ero a casa per Natale.

Non sono stato capace di smettere di pensarci per i sei mesi successivi e l’ho riletto un sacco di volte.

Mi entusiasmava la prospettiva di un altro protocollo globale decentralizzato (come Internet) che avrebbe potuto creare una maggior libertà finanziaria.

La maggior parte dei miei amici pensava che il bitcoin fosse un’invenzione bizzarra, ma qualcosa nella pancia mi diceva che fosse invece importante.

Volevo darmi da fare per contribuire a rendere questa tecnologia più semplice da usare.

E volevo anche capire se poteva essere utilizzata in modo più ampio».

Nel tempo libero Brian inizia a fantasticare su come creare progetti legati a criptovalute e bitcoin.

Dopo tre mesi di analisi approfondite arriva la decisione di usare il nome BitBank.

Poi però gli avvocati di Brian Armstrong gli consigliano di non mettere la parola banca nel nome.

Ed è proprio allora che nasce il nome “Coinbase”.

A questo punto Brian acquista il nome a dominio investendo circa 1.800 dollari.

E il resto è storia…

La nascita di Coinbase

Brian Armstrong e il suo socio Fred Ehrsam fondano Coinbase nel 2012.

Coinbase

A ottobre dello stesso anno viene lanciato il servizio di compravendita di bitcoin.

Negli anni successivi sono in molti a credere nel successo dell’iniziativa di Brian Armstrong, dunque decidono di finanziarlo.

Nel 2013 nelle casse di Coinbase giungono 30 milioni di dollari da vari fondi di venture capital.

L’anno successivo la startup arriva ad avere 1 milione di utenti.

A questo punto vengono stretti accordi commerciali con aziende come Dell, Expedia e Time Inc.

In questo modo queste aziende sono così in grado di accettare pagamenti in bitcoin.

Il 2015 si apre alla grande con l’arrivo di un finanziamento da 75 milioni di dollari.

In seguito, viene lanciato un servizio per lo scambio di bitcoin fra i trader professionisti.

Per maggiori informazioni su Coinbase, visita il sito ufficiale.

Le ultime novità su Brian Armostrong e Coinbase

Attualmente la piattaforma di exchange Coinbase permette di scambiare 32 valute con tre criptovalute:

  • bitcoin;
  • ethereum;
  • e litecoin.

Il quartier generale di Coinbase è a San Francisco, in California.

La società possiede clienti in 190 Paesi del mondo.

Brian Armostrong è uno dei primi miliardari resi tali dalle criptovalute.

Del resto nella community delle criptovalute viene considerato una sorta di rockstar.